Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza anche cookie di terze parti. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.


 
Home » L’Ente » Guardie Ecologiche Volontarie
Guardie Ecologiche Volontarie

La Comunità Montana Valsassina Valvarrone Val d’Esino e Riviera dal 1982 si è dotata di un corpo di Guardie Ecologiche Volontarie (GEV), che esercita le proprie funzioni sull’intero territorio della Comunità Montana.
Il territorio prevalentemente montano e molto diversificato, comprende aree protette, come il Parco Regionale della Grigna Settentrionale, il SIC (Siti di Interesse Comunitario) IT2030001 Grigna Settentrionale e la ZPS (Zone di Protezione Speciale) IT2030601.

Le Guardie Ecologiche attualmente in servizio, nell’esercizio delle proprie funzioni sono riconoscibili perché tutte dotate di divisa e distintivo. Esse, inoltre, si riuniscono costantemente per programmare le attività e verificarne lo stato di attuazione. 

 

Le GEV della Comunità Montana e del Parco:

Arnaudo Sergio
Brambilla Antonello
Brancalion Laura
Buttironi Antonio
Castelnuovo Roberto
Civilini Carlo
Colombo Giorgio
Dell’Era Massimo Giuseppe
Ortelli Pierluigi
Pezzutti Cari’ Loredana
Piazza Ivan
 

Nella Comunità Montana Valsassina le Guardie Ecologiche Volontarie svolgono importanti attività:

  • l’osservazione e la segnalazione della presenza di flora e fauna endemica minacciata o a rischio di estinzione;
  • la perlustrazione e il monitoraggio del territorio, per prevenire la diffusione di discariche abusive di rifiuti, inerti, carcasse di animali abbandonate, sostanze inquinanti di natura industriale e civile, ecc.;
  • l’azione informativa, preventiva e, se necessaria, sanzionatoria per tende e campeggi abusivi in zona parco, transiti non autorizzati su mulattiere e sentieri, raccolta funghi, tutela di specie protette, ecc.;
  • le azioni di tutela del verde pubblico e delle oasi verdi, parchi e riserve;
  • la partecipazione ai convegni e seminari di formazione, anche con il confronto con le attività degli altri gruppi di guardie ecologiche volontarie sul territorio locale
  • la collaborazione con altri gruppi di volontariato (es. protezione civile) per la prevenzione degli incendi boschivi;
  • il monitoraggio e l’intervento in occasione di particolari eventi naturali
  • la collaborazione con le Amministrazioni Comunali e con gli enti organizzatori di eventi culturali, ricreativi, ecc.
     

GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE - COSA SONO LE GEV?

Il Servizio Volontario di Vigilanza Ecologica è stato istituito con Legge Regionale n. 105 del 29.12.1980, in seguito aggiornata con le Leggi Regionali n. 9 del 28.02.2005 e n. 14 del 06.05.2008. Le GEV, Guardie Ecologiche Volontarie, sono cittadini che volontariamente hanno scelto di prestare un servizio pubblico a tutela dell'ambiente.


Le Guardie Ecologiche Volontarie:

  • promuovono presso i cittadini l'informazione sulla legislazione vigente in materia di tutela ambientale
  • collaborano con le autorità competenti per la raccolta di dati e informazioni relativi all'ambiente (monitoraggio ambientale) e in opere di soccorso in caso di pubbliche calamità o di disastri di carattere ecologico.
  • concorrono alla protezione dell'ambiente e alla vigilanza in materia ecologica, nonché all'accertamento delle violazioni di disposizioni in materia ecologica. Le guardie ecologiche volontarie, in caso di accertamento di violazione delle leggi e dei regolamenti comunali e provinciali in materia ecologica, redigono verbali nei quali devono essere specificate tutte le circostanze del fatto e le eventuali osservazioni del trasgressore, e li trasmettono all'ente da cui dipendono

 

L'aspirante Guardia Ecologica Volontaria deve:

  • essere cittadino/a italiano/a o di uno Stato membro dell'Unione Europea e maggiorenne;
  • godere dei diritti civili e politici;
  • non avere subìto condanne penali definitive;
  • possedere almeno la licenza della scuola dell'obbligo e requisiti fisici, tecnici e morali che la rendono idonea al servizio; - essere in regola con gli obblighi di leva;
  • frequentare i corsi di formazione ed effettuare l'addestramento pratico (I corsi sono gratuiti e vengono organizzati dagli Enti gestori dei servizi, ovvero Comunità Montane, Parchi, Province, Comuni capoluogo di provincia)
  • superare l'esame teorico-pratico davanti alla commissione regionale;
  • ottenere il decreto di Guardia Particolare Giurata dal Prefetto;
  • ottenere l'incarico di Guardia Ecologica Volontaria dal Presidente della Giunta Regionale.

Una volta ottenuto l'incarico, le GEV sono tenute a prestare servizio presso l'Ente prescelto che coordina le attività fornendo mezzi e le dotazioni di servizio.
Non è prevista per le GEV nessuna remunerazione dell'attività svolta in quanto attività di volontariato seppur sono tenute ad operare con diligenza, prudenza e perizia e assicurare i propri servizi mensili predisposti dall’Ente gestore.